sabato 18 ottobre 2014

Storia di una Compagnia #1: Moby Lines

Traghetto "Maria Maddalena".
La Compagnia di Navigazione da tutti conosciuta come Moby, è nata sotto il nome di Navarma (Navigazione Arcipelago Maddalenino) SpA, compagnia avente la finalità del trasporto passeggeri e di auto al seguito. La società fu costituita il 9 luglio 1959 a Cagliari dall'armatore Achille Onorato. Il primo traghetto ad essere acquistato proveniva direttamente dalla Danimarca e portava il nome di Aeroskobing, lunga poco più di 35 metri poteva raggiungere una velocità di circa 13 nodi. L'unità fu rinominata Maria Maddalena ed entrò subito in servizio fra Palau, La Maddalena e Santa Teresa di Gallura, in regime di concorrenza con la rivale Tirrenia. Successivamente la nave venne trasferita nell'Arcipelago Toscano, dove prestò servizio fra l'Elba e Piombino, aiutata dal traghetto Elba Prima. Con un primo rinnovamento della flotta, Onorato decise di acquistare un traghetto greco e rinominarlo Portoferraio
Traghetto "Bastia" nei pressi di Bonifacio.
nello stesso anno fu acquistato il traghetto Bastia, ancora oggi in servizio per la Compagnia, che venne sin da subito utilizzato nei collegamenti da Livorno e Piombino per Bastia. Nel 1976, il Portoferraio fu utilizzato per la sperimentazione di una nuova rotta fra Talamone (Grosseto) e Palau; contemporaneamente fu acquistato il Città di Piombino seguito negli anni successivi dal Giraglia (ancora oggi in servizio) per prestare servizio fra la Corsica e la Sardegna nella rotta Santa Teresa di Gallura - Bonifacio. Dal 1981 e il 1983 il Bastia e il Giraglia furono impiegati sulla linea estiva trisettimanale fra Piombino e Palau. 
Il 1982 fu l'anno della svolta: ricordato come il secondo rinnovamento della flotta, è questo il periodo in cui iniziano a comparire sulle fiancate delle navi le grandi balene blu. Inizia l'era di Vincenzo Onorato. Il primo grande traghetto acquistato fu il Moby Blu, impiegato, insieme a coloro che gli fecero seguito, sui collegamenti fra porti liguri, toscani e corsi. 
"Moby Prince" e "Moby Blu".
Nel 1985 entrò a far parte della moderna flotta il, famoso per tragici avvenimenti, Moby Prince impiegato prima sulla Cagliari - Napoli e successivamente sulla Livorno - Olbia; proprio quest'ultimo collegamento diventerà negli anni successivi il fiore all'occhiello della Moby. Dopo l'arrivo del Moby Dream, rinominato poi Sardegna Bella (seguito da qualche altro traghetto), nel 1990 la Compagnia vantava una flotta di otto grandi navi traghetto, nonché di 5 "bus ferry". 


La classe dei grandi traghetti comprendeva:
- Moby Blu (710 passeggeri e 225 veicoli);
- Moby Prince (1500 passeggeri e 335 veicoli);
- Moby Love (1200 passeggeri e 310 veicoli);
- Moby Will (1200 passeggeri e 260 veicoli);
- Sardegna Bella (1200 passeggeri e 210 veicoli);
- Moby Vincent (1600 passeggeri e 570 veicoli; ancora in servizio);
- Moby King (1900 passeggeri e 570 veicoli);
- Moby Baby (1100 passeggeri e 220 veicoli; ancora in servizio);
La classe dei bus ferry, invece, era così costituita:
- Elba Prima (650 passeggeri e 50 veicoli);
- Portoferraio (650 passeggeri e 55 veicoli);
- Città di Piombino (650 passeggeri e 50 veicoli);
- Giraglia (600 passeggeri e 110 veicoli; ancora in servizio);
- Bastia (600 passeggeri e 40 veicoli; ancora in servizio).

"Moby Fantasy" a Olbia.
Nel 1992 fu acquistato il prestigioso traghetto Moby Fantasy capace di trasportare 1400 passeggeri e 400 veicoli al seguito: inizialmente fu utilizzata nelle rotte da Genova e Livorno verso Bastia ma successivamente fu strategicamente trasferita nei collegamenti da/per la Sardegna sulla linea Livorno - Olbia. Fu inoltre utilizzata per delle minicrociere nel Mediterraneo nei periodi precedenti e successivi ai periodi di alta stagione. Il servizio fino ad ora offerto dalla Compagnia interessava le rotte Genova - Bastia (marzo - settembre), Livorno - Bastia (marzo - ottobre), Portoferraio - Bastia (maggio - giugno), Piombino - Bastia (luglio - settembre), Piombino - Portoferraio (giornaliera per tutto l'anno), S.Teresa di Gallura - Bonifacio (plurigiornaliera tra aprile e ottobre) e per concludere la Livorno - Bastia (giornaliera per tutto l'anno). Nel 1997 entrarono nella flotta il Moby Ale, il Moby Kiss (venduta lo stesso anno) e il Moby Magic. Nei due anni successivi si unirono a queste il Moby Gum, il Moby Rider e il Moby Love 2. Intanto uscirono dalla flotta il Moby Prince, andata perduta nell'incendio del 1991 in cui morirono 141 passeggeri, e il Moby Love, Moby Will, Città di Piombino e Portoferraio venduti ad altre compagnie. All'inizio del 2000 entrò nella flotta il Moby Lally impiegato sulla Civitavecchia - Olbia per un anno; da allora presta ancora oggi servizio fra Piombino e Portoferraio

"Moby Freedom" a Livorno.
Nei primi anni del 2000 inizia il terzo rinnovamento della flotta con i due giganti Moby Wonder e Moby Freedom che diedero inizio all'era dei Looney Tunes. I due colossi furono seguiti da una terza gemella, anche se con qualche piccola differenza, il Moby Aki. I tre colossi lunghi ben 180 metri vantano una capacità di trasporto di 2200 passeggeri e 750 auto al seguito. Ma l'acquisto dei giganti dei mari non si ferma qui, infatti a seguire furono acquistati il Moby Drea nel 2004, il Moby Tommy e il Moby Otta nel 2006. Nel frattempo furono mandati a demolizione il Moby Blu, il Moby Gum, il Moby King e il Moby Magic; questa unità a causa di un evento imprevisto. La nave, partita alle 10 del mattino dell'11 settembre 2003 da Livorno, diretta a Olbia, discostatasi dalla propria rotta forse a causa di un errore umano, andò ad urtare contro uno scoglio sommerso a 7 miglia dal porto sardo; il traghetto si procurò una profonda falla sullo scafo. Tutti i passeggeri e i membri dell'equipaggio furono portati in salvo. 

"Luigi Pa.", classe Moby cargo.
Nel 2006 la società acquisisce la Lloyd Sardegna con le rinominate Giuseppe Sa, Luigi Pa (ancora operative), Eliana M. (demolita lo scorso anno) e Maria Grazia On. (noleggiata). Nel 2007, grande novità per Moby, fu inaugurata la linea Porto Torres - Genova. Nel dicembre del 2009, ultimo arrivato nella flotta, il Moby Corse inaugura una nuova rotta Livorno - Tolone, accantonata pochi mesi dopo. Il Moby Freedom, invece, è stato ceduto a una Compagnia Finlandese e attualmente opera nel Mar Baltico.
Attualmente prestano servizio fra Piombino e l'Isola d'Elba, Santa Teresa di Gallura e Bonifacio, il Moby Ale, il Moby Love 2, il Moby Lally, il Moby Baby, il Giraglia e il Bastia.
Il Moby Vincent presta servizio tra Livorno e Bastia (solo nel periodo estivo), il Moby Corse tra Genova e Bastia (solo nel periodo estivo), il Moby Tommy, completamente rinnovato e con ben 200 cabine in più tra Civitavecchia, Genova e Olbia nel periodo estivo e tra Livorno e Olbia solo per trasporto merci nel resto dell'anno, il Moby Aki e il Moby Wonder tra Livorno e Olbia (tutto l'anno) e tra Piombino, Civitavecchia e Olbia (solo nel periodo estivo), il Moby Drea e il Moby Otta sulla linea Genova - Olbia (solo nel periodo estivo). 
Nel 2016 saranno due le nuove navi per la compagnia, il Moby Zaza, che verrà impiegato sulla nuovissima Nizza-Bastia tutto l'anno e il Moby Kiss, che affiancherà il Vincent nel collegamento tra Livorno e Bastia. 
Grandi novità anche nel settore merci, con traghetti di ultima generazione già operativi e tanti altri ancora in arrivo.

"Moby Drea" in navigazione.

Una storia ricca di cambiamenti e di innovazioni, quella della Moby, che nel Mediterraneo ha difficoltà a trovare eguali. 

Buona lettura da Mondo Traghetti.

6 commenti:

  1. ti sei dimenticato che onorato aveva 2 navi porta bestiame una si chiamava El Rancho e una el coral
    dove io sono stato imbarcato nel 1968 .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sostarono a portoferraio, dopo aver tolto tutte le tavole, tubi e cose varie varie sono state imbracate e trainate con un rimorchiatore in Spagna per il taglio.(io c'ero)

      Elimina
  2. in una di quelle i Com.te era il grande Comandante Efisio Satta.


    RispondiElimina
  3. in'oltre Onorato aveva la Rimorchiatori Sardi Spa con 23 mezzi ed un pontone (Atlante) preso a Liverpool e portato a Napoli a rimorchio del Rim.re Poetto.
    Ad essi devi aggiungere un bacino galleggiante di carenaggio a Cagliari.

    RispondiElimina
  4. Che bella descrizione. Mi riporti indietro nel tempo quando negli anni 80/90 andavo all'Elba per lavoro. Bello sapere che il Città di Piombino, e Portoferraio sono ancora in circolazione. Città di Piombino è della Gestur e si chiama Don Peppino. Mentre il Portoferraio è stato avvistato in Turchia. Rinnovato e ricolorato di viola. Ma il bello è che hanno deciso di lasciargli il nome::Portoferraio

    RispondiElimina